Il Focaccino - Giornalino scolastico
       
La squadra di "regoliamoci anche noi!"
I Patrioti in "VIVA L'ITALIA" il trailer
I PATRIOTI sul Monte Cervati mt. 1899
"Premio Unità d'ITALIA"

             

Premiate le scuole della V° edizione concorso Regoliamoci: "Beni confiscati alle mafie e territorio: il sogno si fa segno"
(ANSA) - ROMA, 7 GIU - Sono state premiate oggi a Roma le scuole vincitrici della quinta edizione del concorso «Regoliamoci», organizzato da Libera, in collaborazione con il ministero dell'Istruzione, università e ricerca. Oltre seimila i ragazzi coinvolti sul tema di quest'anno: il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie.
Finalisti
ROMA 07/06/2011  
La delegazione di studenti dell'ISTITUTO BASILIO FOCACCIA di SALERNO si reca a ROMA per la premiazione del Concorso REGOLIAMOCI indetto da LIBERA, associazioni nomi e numeri contro le mafie.



Il tema di quest'anno è stato "Beni confiscati alle mafie e territorio: il sogno si fa segno", un argomento che prende spunto dalla legge 109 del 1996 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati. Una legge che quest'anno ha compiuto 15 anni e nel corso dei quali ha visto trasformati in cooperative sociali, sedi di associazioni, comunità di accoglienza, centri culturali, grazie all'impegno di istituzioni, enti locali e società responsabile, centinaia di ettari di terreni, ville, appartamenti e altri beni immobili. Gli studenti di tutte le età si sono impegnati nella costruzione-realizzazione di elaborati sotto forma di racconti fotografici, audiovisivi, progetti architettonici e descrittivi che riguardavano la progettazione di riutilizzo sociale dei beni confiscati presenti sul loro territorio . Ai ragazzi e agli insegnati è stato proposto di lavorare solo in formato digitale per ridurre l'impatto ambientale del concorso e dare un segnale concreto verso l'ambiente. I lavori dei 15 finalisti sono stati messi on line in un geoblog che regione per regione mostra il riutilizzo sociale dei beni confiscati pensato dai ragazzi.



Un doveroso ringraziamento a Libera associazioni nomi e numeri contro le mafie per averci consentito di vivere una meravigliosa esperienza.